Come Lavare i Denti ai Bambini

Prendersi cura dell’igiene orale del bambino e della sua bocca è importantissimo, per questo motivo bisogna lavare i denti ai bambini fin da subito.

In questo articolo parleremo proprio di questo tema, attorno al quale, purtroppo, c’è ancora troppa disinformazione. Spesso, infatti, i genitori non sanno bene cosa devono fare e quali dispositivi è meglio utilizzare per l’igiene orale del proprio piccolo.

Lavare i denti ai bambini: gli step età per età

0-6 mesi

E’ sbagliatissimo pensare che se non sono presenti i dentini non ci sia bisogno di prendersi cura del cavo orale. Massaggiare le gengive del neonato sin dai primi giorni di vita significa, infatti, abituarlo alla procedura di lavaggio dei denti ma anche rimuovere i residui di latte materno e rigurgiti.

Ma come fare per massaggiare nel modo corretto le gengive del piccolo, che saranno presto soggette al forte stress della crescita dei denti? Nella fase iniziale si può utilizzare una garza arrotolata intorno al dito e poi passare all’uso degli appositi guantini o ditale per pulizia denti bambini.

Bisogna massaggiare delicatamente col dito, senza imprimere troppa forza. In questa età una sola passata al giorno è sufficiente, anche se non è dannoso per la salute del neonato massaggiare dopo ogni poppata, poi, nel momento in cui inizieranno a spuntare i primi dentini, si passa a due volte al giorno.

6-12 mesi

In questa fascia d’età, il copridito o ditale in silicone è il metodo più adatto per lavare i denti ai bambini. Tuttavia, in questo periodo, è importante anche l’utilizzo dello stimolatore gengivale (detto anche stimolatore di gengive o massaggiagengive neonato).

Ne esistono di tantissime forme e modelli, alcuni dei quali sono anche refrigerati in modo da offrire sollievo alle gengive del piccolo, che in questo periodo sono solitamente in preda a dolori fortissimi dati dall’eruzione dentale. Vi segnaliamo, in particolare, i massaggia gengive con una forma simile a quella dello spazzolino: questi strumenti sono molto utili per fissare nel bambino l’abitudine al lavaggio, soprattutto se vengono dati dopo mangiato.

Intorno ai 10 mesi i dentini possono essere spazzolati con uno spazzolino per bambini baby super morbido e piccolo. In genere, questi spazzolini per bambini hanno manici simpatici e un’impugnatura pensata appositamente per agevolare la presa.

1-2 anni

Ad un anno è meglio iniziare ad abbandonare il copridito in silicone e abituare il piccolo all’uso quotidiano dello spazzolino per bambini ogni volta che mangia.

Dai due anni in poi, invece, è anche possibile aggiungere un velo di dentifricio per bambini sullo spazzolino prima del lavaggio.

3-6 anni

A quest’età il bambino inizierà a volersi lavare i denti da solo. Per tale motivo è importante mostrare con pazienza ai piccoli cosa devono fare, spiegando i vari passaggi del lavaggio dei denti su noi stessi e magari, almeno inizialmente, replicando insieme l’operazione.

In questo periodo si può iniziare a valutare anche l’utilizzo di uno spazzolino elettrico per bambini per lavare i denti, che, però, dovrà essere utilizzato sempre sotto la supervisione di un adulto.

lavare i denti ai bambini

Come scegliere lo spazzolino da denti per bambini?

Nella scelta dello spazzolino sono principalmente due le caratteristiche che devono essere esaminate:

  1. La bellezza, che è fondamentale perché lo spazzolino deve attirare il bambino
  2. La funzionalità, perché è fondamentale che lo spazzolino per bambini abbia:
  • una testina minuta, adatta alla bocca del piccolo ma che riesca anche a raggiungere ogni dente
  • delle setole morbide e delicate per non ferire le gengive
  • un’impugnatura comoda

Spazzolino per bambini elettrico o manuale?

Veniamo adesso ad una delle domande che i genitori si fanno più spesso nel momento in cui devono scegliere lo spazzolino per i loro piccoli: è meglio lo spazzolino elettrico o manuale?

In realtà non c’è una differenza così tanto rilevante tra i due modelli. Ovviamente lo spazzolino elettrico per bambini può essere comodo perché fa in automatico i giusti movimenti per pulire i dentini nel migliore dei modi, però potrebbe risultare un po’ troppo aggressivo, soprattutto se si esercita una pressione molto elevata sull’impugnatura.

Noi ci sentiamo di dire che lo spazzolino elettrico può essere utilizzato senza problemi, ma è sempre utile insegnare ai propri bambini ad usare nel modo corretto anche quello manuale.

Quanto dentifricio usare per lavare i denti ai bambini?

Il Ministero della Salute si è espresso in tema di igiene orale indicando i seguenti dosaggi:

  • Per i bambini più piccoli intorno ad 1 anno di età, quando cioè iniziano a spuntare i primi dentini, è sufficiente usare un dentifricio con 1000 ppm (parti per milione) di fluoro
  • Nei bambini in una fascia d’età compresa tra i 6 e i 12 anni tale dosaggio può essere superiore e arrivare fino a 1400 ppm di fluoro
  • Quando il bambino ha dai 12 anni in su, invece, è possibile utilizzare dentifrici che hanno 1450 ppm di fluoro

Fino ai 6 anni è abbastanza mettere solo un velo di dentifricio, quantitativo che diventa pari a mezza testina nell’età tra i 6 e i 12 anni e tutta la testina intera dello spazzolino dai 12 anni in su.

Leave a Reply